sabato 10 novembre 2012

Chiude MSN, Messenger si fonde con Skype

Dall'arrivo di Facebook il mondo è cambiato: MSN chiude i battenti, diventerà un tutt'uno con Skype. Ai tempi in cui nacque, Msn Messenger era il servizio migliore nel settore. Una chat semplice da usare, personalizzabile, con tanto di Emoticon, Avatar e tutte quelle diavolerie che all'epoca ci fecero sentire dei mostri dell'informatica. Era il 1999 e già iscriversi e registrarsi, per chi non aveva provato il trisavolo delle chat ICQ, rappresentava un piccolo traguardo. Roba per smanettoni. Strano, sembra passato un secolo. Eppure sono trascorsi solo, quanti? Dieci anni? Parliamo dell'età del bronzo mentre ci chiediamo, increduli, come abbiamo potuto vivere senza Facebook.
 
Lo stesso Facebook che ha decretato la fine delle chat, che ha messo in ginocchio i blog, che ha inventato la società virtuale. Msn tentò disperatamente di contrastarlo e lanciò Windows Live, apparentemente perfetto: c'erano i profili, una home, la messaggistica privata. Credette di avercela fatta, con i suoi 330 milioni di utenti che timidamente si affacciavano dalla nuova "finestra" della Microsoft. Ma era già troppo tardi. Mesi, anni, e Facebook cominciò a fagocitarli tutti, uno per uno. Come successe per Msn all'epoca, anche Faccia Libro godette delle economie di scala: più utenti ci sono, più si riducono i costi (di tempo) unitari. Insomma, se sono tutti qua io che ci faccio su Messanger?
 
Il 40,6% degli utenti tuttora presenti su MSN - ci sono anch'io, ma saranno anni che non ci entro - dovranno traslocare su Skype, se non l'hanno già fatto (il che è molto probabile). Skype, sopravvissuto alla furia distruttiva di Facebook per la sua spiccata personalità (è sarcastico), ingloberà i resti del povero omino blu, aggiungendo schiere di chiacchieroni al suo già affollato esercito. 170 milioni di utenti in totale, già integrati con il nuovo Windows 8. Se la si guarda dall'alto, ci si rende conto che questa mossa apparentemente drammatica è una strategia aziendale a tutto tondo. Microsoft si aspettava il collasso, e così ha cercato un partner per la salvezza. Dopotutto, come disse il saggio cinese, chi è nemico del tuo nemico è tuo amico.

Nessun commento:

Posta un commento