giovedì 31 gennaio 2013

Daniele Capezzone Pdl a Checkpoint

FEDERICO NOVELLA INTERVISTA DANIELE CAPEZZONE

Sondaggi: “Abbiamo recuperato dieci punti in un mese e mezzo. Mettiamo la freccia per il sorpasso”
Redditometro: “Una colpa incancellabile di Monti. Con lui e Bersani un mattatoio fiscale”
La candidatura in Piemonte: “Torino ha la sua Mps e si chiama Csea”
Cosentino: “Non auguro a nessun italiano di subire quello che ha subito lui”
Tasse: “Noi siamo gli unici che possiamo firmare un patto per la riduzione delle tasse”
Monti: “E’ il sottosegretario per l’Italia del governo Merkel”
Ingroia: “Non conosco altro Paese al mondo in cui un magistrato possa fare come ha fatto lui”

“Quello che è accaduto in questo mese e mezzo dovrà essere studiato. Il Pdl era dato al 10 o 12% e oggi si sono recuperati altri 10 punti. Altra cosa è che al Senato il centrosinistra non ce la potrà fare. Credo che abbiamo messo la freccia e stiamo per fare il sorpasso” E’ quanto affermato in diretta a Tgcom24 da Daniele Capezzone (Pdl) intervistato da Federico Novella per Checkpoint  parlando dei sondaggi e della ripresa del Pdl.
Spostando al discussione sul tema delle tasse Capezzone ha aggiunto: “Dimentichiamo destra e sinistra e dimentichiamo che tra poco si vota: guardiamo il redditometro e chiediamoci se si può vivere in un Paese che ammette come beni di lusso detersivi, giocattoli e animali domestici. Siamo tutti presunti ricchi? Questa è una colpa incancellabile di Monti e lui e Bersani sono convergenti in questo mattatoio fiscale”.

Sulla sua candidatura in Piemonte ha aggiunto: “Sono un privilegiato perché sono candidato subito dopo Alfano e metto a disposizione di Torino le mie capacità in materia di industria e artigianato. Torino inoltre ha la sua Mps e si chiama Csea. A Torino c’è chi ha avuto responsabilità su Csea e adesso fischiettano come Bersani su Mps. Io ho il sospetto che molte banche non fanno credito per la paura dei derivati che hanno in pancia” Parlando di liste pulite ha affermato: “Su Cosentino si è fatta una scelta e non auguro a nessun italiano di subire quello che ha subito Cosentino”.

Sul suo passato da radicale e le battaglie per la riduzione delle tasse ha aggiunto: “Sono fiero di quello che ho fatto, per le battaglie che ho condotto e sono fiero anche di essermi dimesso dalla commissione e di non essermi ricandidato contro l'aumento delle tasse. Noi del Pdl siamo in grado di firmare un impegno per non aumentare le tasse, ma mi chiedo se Monti e Pd possano fare lo stesso. Berlusconi ha detto che avrebbe levato l’Ici e l’ha fatto. Inoltre nonostante la crisi non ha mai alzato le tasse”.

Commentando ironicamente il nuovo spot del Pd ha aggiunto: “Il mutuo lo chiedano a Mps e sul lavoro la Fornero dirà che sono schizzinosi” Commentando come di consueto a Checkpoint, i personaggi dell’attualità politica, il portavoce del Pdl ha affermato: “Monti? Sottosegretario per l’Italia del governo Merkel. Berlusconi? L’unico leader credibile per la diminuzione delle tasse. Travaglio? Mi è molto simpatico ed è bravo, ma scommettere tutto sul livore non basta. Ingroia? Non conosco altro Paese al mondo in cui un magistrato possa fare come ha fatto lui”.

FONTE: UFFICIO STAMPA

Nessun commento:

Posta un commento