lunedì 18 febbraio 2013

History ascolti: record per Freddie Mercury

HISTORY VINCE LA SERATA
CON IL DOCUMENTARIO SU FREDDIE MERCURY

112.000 spettatori hanno seguito la storia del leader dei Queen.
3% share tv sul target maschile 25/34 anni,
classe socio-economica alta e medio-alta

Roma, 18 febbraio 2013 Ottimi ascolti per History con FREDDIE MERCURY, andato in onda ieri sera. Il documentario, che racconta con testimonianze ed immagine inedite la vita del leader dei Queen, è stato visto da 112 mila spettatori su History/+1. I contatti unici sono stati 353 mila.

Entrando nel dettaglio, scopriamo che i risultati migliori sono stati ottenuti sul target maschile 25/34 anni, classe socio economia alta e medio-alta: la share tv è stata dell’3%, quella Sky del 14%, mentre la share relativa al pacchetto documentari di Sky è stata pari al 79%. Inoltre, nell’orario di programmazione del documentario (fascia 21.00/22.50), History è stato il canale più visto dell’area factual e il quinto sulla piattaforma.


Va sottolineato che i risultati sui social media sono stati molto positivi. Infatti, gli spettatori hanno potuto commentare il documentario sul profilo Twitter di History. Analizzando con la collaborazione della società BlogMeter l’attività sul profilo Twitter, i tweet, che contenevano l’hashtag scelto per il programma (#FreddieForever), sono stati 1.650, mentre le impressions sono state oltre 816 mila (il picco è stato raggiunto all’inizio del documentario con 325 mila impressions).

Gli spettatori premiano ancora una volta la capacità di History di innovare il concetto di storia in tv. L’offerta del canale 407 di Sky non si limita alla ricostruzione dei grandi eventi del passato o delle imprese di uomini politici o condottieri, ma punta i riflettori anche su quei personaggi della cultura popolare (dalla musica al cinema) che hanno segnato l’immaginario collettivo dei nostri giorni. Una storia che poi si lega sempre di più al vivere quotidiano, che vede protagonisti uomini e donne di tutti i giorni.

Nessun commento:

Posta un commento