giovedì 14 febbraio 2013

Oscar Pistorius: intervista ad Andrea Giannini, coach

L’intervista al preparatore atletico di Oscar Pistorius
Andrea Giannini  a Tgcom24:
“Sono sconvolto, spero si tratti di una tragica fatalità”
“In Sud Africa è normale girare armati. C’è alto rischio di criminalità”

“Sono rimasto sconvolto, non volevo crederci e stento a crederci. Spero si possa fare luce al più presto e spero che si possa trattare di una tragica fatalità. Il Sud Africa è ad alto rischio per la criminalità. Sono stato a casa di Oscar, vive in un luogo bellissimo ma completamente cintato con tanto di filo spinato e guardie giurate. In Sud Africa si porta normalmente la pistola in auto. Speriamo si tratti solo di una tragedia, ma c’è un morto” Sono le parole rilasciate ai microfoni di Tgcom24 da Andrea Giannini, il preparatore atletico di Oscar Pistorius, dopo la notizia dell’arresto dell’atleta.
Sul carattere di Pistorius Giannini ha aggiunto: “Oscar è una persona molto seria e sensibile con le partner. E’ sempre stato molto raffinato e galante con le donne” In merito ad altre vicende giudiziarie, Giannini ha aggiunto: “Lui ha avuto un incidente con la barca al mare e poi c’è stata una presunta aggressione. Nel secondo caso è accaduto che una ragazza durante una festa ha alzato il gomito e ha dato in escandescenza. Lui ha accompagnato questa ragazza fuori dall'appartamento e poi la stessa ha fatto denuncia per aggressione, ma tutto è stato archiviato”


Nessun commento:

Posta un commento