venerdì 1 febbraio 2013

Terremoto in Garfagnana, parlano Puppa e Boschi

Paura in Garfagnana, Mario Puppa (Pres. Unione Comuni Garfagnana) a Tgcom24: “Non c’è stato un eccesso di allarmismo, solo responsabilità da parte dei sindaci che si sono comportati come padri di famiglia”

La situazione al momento è sotto controllo, valuteremo il da farsi anche in relazione alle nuove indicazioni giunte dal dipartimento della protezione civile. La protezione civile ha precisato di non aver dato l’allarme di forte terremoto, il dispaccio che ha aperto il meccanismo è arrivato  dalla Presidenze del Consiglio dei ministri e prevedeva per le prossime ore la probabilità che ci fossero delle scosse. Questo ha messo in moto un sistema di informazione per mettere al corrente della cosa i cittadini. Queste le parole del Presidente dell’Unione dei Comuni della Garfagnana Mario Puppa a Tgcom24.
Il meccanismo è partito, ora invece arriva un nuovo avviso della protezione civile che alleggerisce un po’ la posizione. Alle 11 i sindaci si riuniranno per capire se si può sciogliere o meno l’allarme. La precisazione è tecnica e apre un po’ di più lo scenario rispetto al primo comunicato che poneva termini circostanziati sia in termini temporali, parlando di prossime ore, sia spaziali, nelle prossimità del centro abitato di Castelnuovo di Garfagnana. Noi non abbiamo provveduto ad ordinanze di evacuazione ma abbiamo ritenuto opportuno informare la popolazione. Non c’è stato un eccesso di allarmismo, ma responsabilità da parte dei sindaci che si sono comportati come dei padri di famiglia. Noi abbiamo solo messo a disposizione tutti i mezzi perché la notte passasse nel migliore dei modi.

Paura in Garfagnana, Enzo Boschi (sismologo) a Tgcom24: “Il terremoto non si può prevedere, bisogna applicare le norme antisismiche, tutte queste situazioni sono ridicole”

Qualcuno ha dato l’allarme, la gente che non è sicura negli edifici in cui vive ha avuto paura ed è scappata. Bisognerà ricostruire com’è venuto fuori questo allarme ma il problema rimangono gli edifici che non sono sicuri. Il terremoto non si può prevedere, le zone sismiche in Italia sono state ben individuate, bisogna applicare le norme antisismiche, ristrutturare gli edifici e far sì che la gente viva tranquilla. Tutto queste situazioni sono semplicemente ridicole. Queste le parole del sismologo Enzo Boschi a Tgcom24.


Paura in Garfagnana, Luca Valensise (INGV) a Tgcom24: “La parola ‘forte’ non è mai stata pronunciata” 

Noi tutte le mattine, da quando c’è stato il terremoto, mandiamo un aggiornamento alla protezione civile. Questo è avvenuto ance ieri mattina. Siccome c’era stata una forte scossa avvertita molto bene dalla popolazione, avevamo fatto delle ipotesi sul possibile sviluppo. Non si è mai parlato di scosse più forti. Queste le parole di Luca Valensise (INGV) a Tgcom24. Non capisco perché poi, oltretutto, l’allarme sia scattato in serata, quando c’era tutto il giorno per riflettere sulla cosa. Eccesso di allarmismo? Un eccesso di preoccupazione nei confronti dei cittadini che ha determinato questa situazione di allarmismo. Capisco chi opera sul territorio per la responsabilità nei confronti della popolazione. Il terremoto non si prevede, le nostre sono valutazioni a breve termine. La grande scossa non è prevedibile. La parola ‘forte’ non è mai stata pronunciata.


Paura in Garfagnana, Antonino Melara (Protezione civile Toscana) a Tgcom24: “Prendiamola come una grande esercitazione e non vediamo tutto il negativo della vicenda”

Assolutamente non è stata lanciata nessuna allerta per forte scossa, è stato fatto un avviso che potrebbe esserci ancora una frequenza sismica in atto. Sono stati informati i comuni che hanno messo in atto il piano operativo di intervento. Non si può prevedere un terremoto con forte scossa. La popolazione ha reagito benissimo, il territorio è sismico e bisogna essere pronti, non abbiamo allarmato ma allertato. Queste le parole di Antonino Melara (Prot. Civ. Toscana) a Tgcom24. Il sindaco è responsabile e decide come comportarsi, ha ricevuto il fax e ha giudicato opportuno fare in quel modo lì, prendiamola come una grande esercitazione e non vediamo tutto il negativo della vicenda.


Allarme sisma in Garfagnana
Gaddo Gaddi, sindaco di Castelnuovo,  a Tgcom24:
“Ritengo di aver agito nella maniera più corretta. Evacuazione? Lo rifarei”

“Io lo rifarei. Assolutamente sì, lo rifarei. Ritengo di aver agito nella maniera più corretta. Dopo il comunicato delle 21.00 dove si diceva che nelle prossime ore si sarebbero verificate scosse sismiche con epicentro a Castelnuovo di Garfagnana, io credo che tutte le persone di buon senso con a cuore i cittadini avrebbero agito così. Oggi Gabrielli aveva un comunicato che concettualmente diceva le stesse cosa, ma in maniera più serena. A noi però è arrivato un comunicato stringato alle 21.00, io ho dovuto prendere decisioni importanti nell’immediato. Non avevo tempo da perdere. Da stanotte comunque tutti ritorneranno nelle loro case” Sono le parole del sindaco di Castelnuovo di Garfagnana, Gaddo Gaddi, in diretta a Tgcom24.

Nessun commento:

Posta un commento