sabato 2 marzo 2013

Checkpoint: Renzo Arbore, Armando Trovajoli


SPECIALE CHECKPOINT
IL RICORDO DEL MAESTRO ARMANDO TROVAJOLI

Renzo Arbore: “Stasera suonerò a Lanciano e ricorderò Trovajoli con una sua canzone napoletana: Che mm' e' 'mparato a fa'; noi ragazzi degli anni 50 amanti del Rock ‘n roll e del Jazz avevamo un po’ la puzzetta sotto il naso, invece per lui avevo una vera venerazione”

“Eredi? Ci sono tanti musicisti italiani che sono bravissimi, Stefano Bollani è un erede degnissimo di Trovajoli”


Stasera suonerò a Lanciano e ricorderò Trovajoli con una sua canzone napoletana: Che mm' e' 'mparato a fa'. L’ho visto meno di un mese fa, era in ottima forma, sempre squisito e gentile. Noi ragazzi degli anni 50 amanti del Rock ‘n roll e del Jazz avevamo un po’ la puzzetta sotto il naso, invece per lui avevo una vera venerazione. Era raro che comprassimo dischi di musica italiana, quei pochi soldi li spendevamo per le cose americane. Lui faceva eccezione, era il mio idolo.

Queste le parole di Renzo Arbore  intervenendo all’interno della rubrica di Tgcom24, “Checkpoint”. È una grande perdita per la cultura musicale italiana. Eredi? Ci sono tanti musicisti italiani che sono bravissimi, Stefano Bollani è un erede degnissimo di Trovajoli. È un grande pianista di musica classica e di jazz. Il jazz italiano è il secondo del mondo, forse abbiamo nel DNA il gusto per la musica jazz e per la musica in genere, perchè veniamo da una grande tradizione come quella del melodramma.

Nessun commento:

Posta un commento