venerdì 26 aprile 2013

Concetta Serrano a Quarto Grado 25 aprile 2013

CONCETTA SERANNO: “NON C’E’ OMBRA DI DUBBIO: SONO STATE LORO”
“QUARTO GRADO”

VENERDI’ 25 APRILE 2013, IN PRIMA SERATA SU RETEQUATTRO

“Non sta a me dire se Sabrina e Cosima sono colpevoli o no, ma da quello che ci ha riferito il Pm non c’è ombra di dubbio che siano state loro”.

Queste le parole pronunciate da Cosima Serrano, madre di Sarah Scazzi, in collegamento durante la diretta di “Quarto Grado”, la trasmissione di Retequattro condotta da Salvo Sottile.

“La sentenza che ha condannato Sabrina e Cosima - prosegue Concetta - mi ha lasciato tanta amarezza”.

Parlando del comportamento della nipote in aula, la madre di Sarah afferma:

“Sabrina mi è sembrata una ragazza che non sa come difendersi. Ed è indifendibile. Se una persona ama, non uccide. Se è arrivata a questo, significa che odiava mia figlia. Sabrina in passato mi è sempre sembrata una ragazza normale, anche se prepotente. Ho sempre pensato non avesse un carattere forte. Avrei voluto che Sabrina fosse innocente, ma le carte dimostrano che non è così”.

La signora Serrano, parlando della sorella Cosima:

“Mia sorella, invece, ha un carattere completamente diverso da quello della figlia: è impassibile molto più ferma.
In aula, ogni tanto, si giravano a guardarmi: lo sguardo di Sabrina era strafottente, quello di Cosima indecifrabile”.

La donna conclude rivolgendosi prima a Misseri, poi a Cosima e Sabrina:

“Sono pronta in qualunque momento a parlare con Michele: quando vuole, sono qui ad aspettarlo.
A Cosima e Sabrina, invece, posso dire che abbiamo raggiunto un primo grande risultato: adesso hanno la possibilità di dire la verità e avere misericordia, altrimenti non ci sarà salvezza per loro”.


Nessun commento:

Posta un commento