lunedì 29 aprile 2013

Giovanni Toti a La Stampa: l'intervista al figlio di Preiti

“MAI TRASMESSA L’INTERVISTA AL FIGLIO DI PREITI”

IL DIRETTORE DI STUDIO APERTO
GIOVANNI TOTI
REPLICA ALLE ACCUSE INFONDATE

Ecco il testo della  dichiarazione del direttore Giovanni Toti:

Leggo con stupore sul sito del quotidiano “La Stampa” un articolo dal titolo “Intervista al figlio dello sparatore, polemica sui giornalisti di Italia 1”. Nel testo il resoconto, inventato di sana pianta, della trasmissione da parte di Studio Aperto, il telegiornale che mi onoro di dirigere, di una presunta intervista al figlio 12enne di Preiti, l’uomo che ha sparato e ferito due carabinieri ieri davanti a Montecitorio.

Bene, Studio Aperto non ha mai trasmesso tale intervista in nessuna delle sue edizioni. Pur essendo in nostro possesso, a differenza di altri notiziari di altre emittenti, abbiamo deciso  di non mandarla in onda neppure utilizzando i consueti accorgimenti atti a proteggere il minore come prescritto dalle regole della nostra professione.

Non solo le immagini del minore in questione non sono mai state trasmesse dal telegiornale di Italia 1, ma neppure dal Tg4, sempre sotto la mia responsabilità, così come non sono mai state mandate in onda da nessun altro telegiornale di Mediaset né dalla rete All-News del gruppo, Tgcom24.

Stupisce e sconforta che un quotidiano dell’importanza e della tradizione de “ La Stampa” pubblichi notizie senza averle verificate, come prescritto, questo sempre, dalle regole della nostra professione. Ancor più stupisce che sopra notizie false venga costruita una polemica con indignate prese di posizione.  Basate evidentemente sul nulla, visto che il fatto, come direbbe un giudice, non sussiste.

Sussiste invece, come è evidente, un radicato pregiudizio, che porta a vedere anche quel che non c’è e pure a commentare ciò che non esiste. Ora una domanda agli autorevoli colleghi de “ la Stampa” e agli altrettanto autorevoli colleghi chiamati a commentare il “non caso” dell’intervista non trasmessa: è deontologico chiedere scusa.

Nessun commento:

Posta un commento