martedì 2 luglio 2013

Ricorda dove sei... l'ordine delle cose secondo David Icke

Oggi come non mai ci si interroga sulle regole che governano il mondo, sull'esistenza di un presunto burattinaio onnipotente, sull'efficienza o meno del sistema che segna le tappe della nostra vita indipendentemente dalle nostre più profonde aspirazioni. C'è chi parla della massoneria, chi profetizza la distruzione globale a opera di un cervello elettronico e chi imputa la responsabilità di ogni cosa a una potente setta pseudo religiosa.


Passando per gli snodi dell'attualità e ripercorrendo le dinamiche dei rapporti internazionali, l'autore David Icke presenta ai lettori il governo che si nasconde dietro passato, presente e futuro del pianeta terra: un ristretto gruppo di persone che hanno in mano il potere finanziario, e con quello sono Maghi di Oz nella stanza dei bottoni. Medicina, economia, tecnologia, mercato, politica e media, tutto sarebbe nelle mani di pochi, quasi invisibili individui.

David Icke non è il primo a congetturare un simile scenario: tutti noi ci chiediamo se dietro le decisioni dei governi possano esserci delle linee guida tracciate da chissà chi, o se si tratta solo di paranoie che trasfigurano una palese trasparenza. Le sorti dell'umanità sono in ogni caso in bilico e farsi delle domande non costa nulla, angoscia a parte. Icke ha cominciato ad aprirci gli occhi già vent'anni fa, e oggi - con "Ricorda chi sei. Ricorda dove ti trovi e da dove vieni. Ricorda." - raccoglie il suo pensiero e lo confronta con certi avvenimenti recenti per avvalorare la sua tesi: il famoso governo globale sta per uscire allo scoperto.


Nessun commento:

Posta un commento