giovedì 28 novembre 2013

Quarto Grado, scarpette rosse contro femminicidio

Lunedì 25 novembre: Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Venerdì 29 novembre: “Quarto Grado” continua a non abbassare la guardia. Il tema del femminicidio è di nuovo al centro del programma condotto da Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero, in onda domani alle ore 21.10 su Retequattro.

In apertura di puntata, il settimanale a cura di Siria Magri dedica alle donne vittime di violenza un’installazione ispirata all’iniziativa avvenuta lo scorso lunedì in piazza Maggiore a Bologna: in studio tante sedie vuote con sopra solo scarpe rosse e cartelli con il nome delle donne “assenti”, perché uccise.

Gianluigi Nuzzi ripercorre poi alcuni casi di femminicidio. Tra questi, quello di Maria Anastasi (39enne incinta al nono mese di gravidanza, barbaramente uccisa e data alle fiamme il 4 luglio del 2012 nelle campagne trapanesi) e il mistero della morte di Lidia Macchi. E anche, la scomparsa di Roberta Ragusa e Mariella Cimò.

Prosegue, infine, la campagna anti-violenza di “Quarto Grado” che dallo scorso 6 settembre invita spettatori e spettatrici a inviare alla redazione fotografie con una scarpa rossa: dalla prima puntata a oggi, gli scatti ricevuti superano quota 3.500. Solo da lunedì 25 novembre, oltre 1.000 foto (75% donne e 25% uomini) hanno invaso la posta elettronica del programma (quartogrado@mediaset.it).

Tutto il materiale raccolto grazie a questa iniziativa sarà montato in un allestimento artistico curato da Alessandro Gedda e itinerante in diverse città italiane. La piazza virtuale televisiva si trasformerà in testimonianza nelle piazze reali.

FONTE: UFFICIO STAMPA QUARTO GRADO

Nessun commento:

Posta un commento